Logo Infodit

Autari, re dei Longobardi

Autari è stato re dei Longobardi dal 584 al 590. E’ conosciuto per le sue varie riforme e per aver ripristinato il regno dopo un decennio di anarchia.

Autari era figlio di Clefi, che aveva regnato per due anni, dal 572 al 574. Dopo la morte del padre i duchi si resero indipendenti, ma questo indebolì il regno Longobardo e favorì l’offensiva dei Franchi e dei Bizantini, che volevano riprendersi le regioni. Il sovrano impose la sua autorità ai duchi, costringendoli a versargli metà delle tasse. Creò anche un’organizzazione statale gestita dai gastaldi, funzionari che avevano il compito di amministrare i beni e i territori del re.

Autari
Miniatura di Autari

Per quanto riguarda i Franchi e i Bizantini, ottenne una tregua di tre anni e poi, cercò alleanza tra i popoli germanici sposando Teodolinda (589) figlia del re dei Bavari. Il loro matrimonio fece avvicinare Romani e Longobardi.

Autari morì l’anno dopo, lasciando Teodolinda l’unica regina. Lei sposò Agilulfo, che aveva sposato in precedenza la sorella di Autari, di cui non si conosce la storia, rendendolo di fatto il nuovo re dei Longobardi.