Licinio imperatore romano

Licinio imperatore romano
Licinio imperatore

Licinio (Valerio Liciniano) è stato imperatore romano dal 308 al 324. Ha governato la parte orientale mentre Costantino governava l’Occidente.

Era amico di Galerio sin da quando questi era Cesare e partecipò alla guerra contro i Persiani nel 297. Quando Massenzio usurpò il trono nel 308, i due partirono inseme contro di lui.

Dopo la morte di Flavio Severo, Augusto d’Occidente, Licinio venne scelto come nuovo imperatore al fianco di Galerio. Doveva governare l’Italia ma, dato che era ancora sotto il controllo di Massenzio, affiancò Galerio in Oriente.

Quando il suo amico morì, strinse un patto con Massimino Daia, lasciandogli le regioni dell’Asia mentre lui governava i Balcani. Tuttavia, Licinio desiderava tutto l’Oriente e, quando ne ebbe la possibilità, si alleò con Costantino, che sconfisse Massenzio e divenne padrone di tutto l’Occidente. Nel 313 Licinio sconfisse Massimino vicino Adrianopoli che morì, poco dopo, di malattia. Fece uccidere famigliari e seguaci del suo rivale e divenne imperatore di tutto l’Oriente.

Licinio sposò Fausta, la sorella di Costantino e fecero un accordo. Insieme stabilirono la tolleranza di tutte le fedi religiose all’interno dell’impero.

Tuttavia, tra i due sorsero contrasti ed ebbero un primo scontro in Pannonia. Licinio depose Costantino e nominò Aurelio Valerio Valente come nuovo Augusto. Ma Costantino lo affrontò di nuovo e pretese per sé la Pannonia e la Macedonnia e la deposizione di Valente, che fu messo a morte.

I due ebbero di nuovo ostilità nel 324 e Costantino lo sconfisse a Crisopoli e lo confinò a Tessalonica, dopo le suppliche di sua sorella di risparmiare la vita al marito. L’anno dopo, Licinio venne accusato di alto tradimento e venne decapitato.

Licinio, imperatore (Busto)
Busto di Licinio (Diet Coke Diego / CC BY-SA)
/ 5
Grazie per aver votato!