Il Material Requirement Planning (MRP)

Il Material Requirement Planning (MRP)

Il Material Requirement Planning, che significa Pianificazione dei Fabbisogni di Materiali e il cui nome viene abbreviato con la sigla MRP, è una teoria e sistema che contribuisce alla gestione e alla riduzione del numero delle scorte, fattore molto importante per ottimizzare i processi di produzione.

Nel caso di materiali di cui si ha sempre bisogno, non è necessario applicare questo sistema. Invece, nel caso in cui un prodotto viene richiesto soltanto in periodi precisi, allora è importante sapere pianificare e gestire il numero di scorte di cui si ha davvero bisogno per non avere merce in eccesso e non utilizzabile. I settori dell’abbigliamento, dell’elettronica, della tecnologia o dell’arredamento si aggiornano continuamente come anche alcuni prodotti alimentari che vengono utilizzati soltanto in alcuni periodi dell’anno.

Per realizzare un prodotto finito è necessario utilizzare diversi materiali che vengono resi disponibili da diversi fornitori. Nel caso in cui i materiali che servono per tale prodotto possono essere utilizzati per realizzare anche altri prodotti diversi, allora è utile utilizzare il sistema di scorte tradizionale, avendo un certo numero di materiali in qualsiasi momento dell’anno.

I vantaggi del sistema MRP è quello di potere programmare il proprio lavoro prevedendo anche gli ostacoli e i ritardi permettendo di essere flessibili e misurare i risultati ottenuti. Questi vantaggi sono molto utili quando bisogna rivedere spesso i piani di produzione o frequenti modifiche alla struttura, forma e componenti del prodotto finito.

Gli input del Material Requirement Planning

I passaggi del Material Requirement Planning servono a ottimizzare e gestire il processo produttivo in modo efficiente conoscendo cosa bisogna produrre, la sua quantità, i componenti necessari e le scorte già in magazzino.

Il Programma di Produzione indica cosa bisogna produrre, la sua qualità e la sua quantità in un determinato periodo di tempo. È necessario prevedere la domanda, gli ordini già fatti, la capacità produttiva e le scorte da avere per sicurezza. Un modo per farlo è quello di permette ai potenziali clienti di preordinare il prodotto: in questo modo è possibile fare delle previsioni basate sui dati.

La Distinta Base definisce la struttura del prodotto finale, la quantità di componenti necessari come anche dei loro componenti per assemblarli. Pertanto, la struttura si compone di più livelli e i componenti per assemblare un altro componente vengono definiti figli. Uno smartphone ha bisogno di un processore, di RAM, di una memoria interna, di una o più fotocamere e tutti questi componenti hanno bisogno di altro materiale per essere prodotti.

Lo Stato delle Scorte è l’archivio dei dati che viene aggiornato costantemente e indica le scorte che abbiamo in mano, quelle che sono già state ordinate, i lotti e altre informazioni di ogni componente.

Inoltre, è importante calcolare il numero di scorte che rimangono in magazzino alla fine del periodo di produzione e di vendita accertandosi che non rimanga molta merce inutilizzata o che non si abbia avuto abbastanza prodotti per i potenziali clienti.

In realtà, è importante pianificare prima la quantità di prodotti da realizzare e si può fare questo nel miglior modo possibile avvalendosi dei dati dei risultati ottenuti con i prodotti passati. Inoltre, è importante individuare gli articoli che rendono di più, quelli che sono più richiesti.

/ 5
Grazie per aver votato!