I dati strutturati per Google | Guida alla SEO

Per fare conoscere e promuovere la propria attività su internet è importante farsi trovare nei motori di ricerca. Oggi è possibile mostrare più informazioni rispetto al passato: chi ci cerca su Google può trovare i nostri contatti telefonici, può vedere un’anteprima dei nostri articoli o di una ricetta. Queste informazioni vengono chiamati dati strutturati.

Questi dati permettono a Google di capire i contenuti di una pagina: se si tratta di una ricetta, di una recensione, di un tutorial, ecc. E’ anche un modo per distinguerci dalla concorrenza e fare capire meglio alle persone che ci cercano specialmente da dispostivi mobili, come gli smartphone, di conoscere e apprezzare meglio quello che facciamo.

Vediamo perciò le funzionalità dei dati strutturati e poi come possiamo integrarli nel nostro sito.

Tipi di dati strutturati nei motori di ricerca

Questa è una panoramica dei tipi di funzionalità multimediali nei risultati di ricerca

Articolo: Sono i post che si scrivono normalmente in un blog. I dati includono il nome dell’autore, la data, il titolo e l’immagine in evidenza

Breadcrumb: Indica il percorso di navigazione, come si arriva alla pagina del sito partendo dalla Home Page.

Carosello: Risultati multimediali che vengono visualizzati in una galleria o in sequenza. Utile per gli articoli e le ricette.

Recensione:

Domande frequenti: Quando creiamo una pagina per le FAQ.

Istruzioni: Tutorial che spiegano con una serie di passaggi tramite video, immagini e testo come si fa una determinata cosa.

Metadati di licenza delle immagini: Possiamo indicare se una determinata immagine è liberamente scaricabile e riutilizzabile da altre persone.

Attività locale: Possiamo creare una scheda contenenti gli orari, l’indirizzo, i contatti, le valutazioni e altro. Creando un account Google My Business, verrà fatto in automatico.

Logo: Il logo del sito o dell’attività.

Prodotto: Informazioni su un prodotto che vendiamo quali prezzo, disponibilità e valutazioni.

Ricetta: Si indicano gli ingredienti, i tempi cottura e i vari passaggi. Si può anche attivare l’Assistente Google per guidare gli utenti.

Video: I nostri video appaiono nei risultati di ricerca e gli utenti sono di riprodurli da lì

Ci sono molte altre funzionalità, consultabili con le relative istruzioni nella guida di Ricerca Google.

Come si inseriscono le funzionalità multimediali nei motori di ricerca?

Inserire i dati strutturati (chiamati anche funzionalità multimediali) su WordPress con Yoast Seo

Per inserire i dati strutturati nel nostro sito affinché appaiono nei motori di ricerca bisogna seguire metodi diversi a seconda di cosa vogliamo includere.

Alcune piattaforme permettono di attivare determinati formati dalle impostazioni di WordPress. Per esempio Altervista permette di attivare i formati Ricetta, TopList, Tutorial e Recensione Libro.

Alcuni plugin per la Seo permettono di aggiungere alcuni tipi di dati strutturati. Yoast Seo, permette di aggiungere le istruzioni e le FAQ.

Per altri tipi di funzionalità bisogna compiere determinate azioni: per i prodotti, dobbiamo avere un sito e-commerce o avere attivato un plugin (come Woocommerce) mentre per le attività locali dobbiamo creare un account Google My Business.

In conclusione, tutto sta nel sapere che tipo di sito stiamo creando e poi inserire i relativi dati strutturati.