L’innalzamento ebullioscopico

L’innalzamento ebullioscopico

L‘innalzamento ebullioscopico consiste nell’aumento della temperatura di ebollizione di un liquido aggiungendogli una sostanza solida o liquida con una temperatura di ebollizione molto maggiore. E’ una delle proprietà colligative delle sostanze, cioè una delle loro proprietà fisiche che dipendono unicamente dal rapporto numerico tra le particelle del soluto, la sostanza sciolta, e il solvente, cioè la sostanza che scioglie le altre e aumenta la sua temperatura di ebollizione.

L’unione tra un soluto e una solvente forma una soluzione, un miscuglio omogeneo con nuove proprietà fisiche e chimiche. L’acqua, ad esempio, evapora quando raggiunge la temperatura di 100°C ma l’acqua di mare bolle a una temperatura maggiore proprio per la presenza del sale. L’innalzamento ebullioscopio è quindi la differenza tra la temperatura alla quale inizia a bollire la soluzione e la temperatura di ebollizione del solvente, in questo caso l’acqua. E’ da notare anche che la soluzione non completa il suo passaggio di stato alla stessa temperatura ma evapora completamente soltanto quando raggiunge la temperatura di ebollizione del sale.

Proprio come nel caso dell’abbassamento crioscopico, anche l’innalzamento ebullioscopico è direttamente proporzionale alla concentrazione molale della soluzione, cioè il rapporto tra la quantità di sostanza del soluto e la massa del solvente. Questo significa che raddoppiando o triplicando la concentrazione molale, raddoppia o triplica la differenza tra le due temperature di ebollizione. La formula è:

Δte = Ke ∙ Cm

Ke è il rapporto costante tra l’innalzamento ebullioscopico e la concentrazione molale, viene chiamato anche costante ebullioscopica e dipende dal tipo di solvente, come mostrano i valori indicati nella tabella sotto.

SolventeKe (°C ∙ kg/mol)
Acqua0,51
Benzene2,51
Etanolo1,22
Valori della costante ebullioscopica in alcuni liquidi

Infine, da quanto detto possiamo concludere che aumentando la percentuale della sostanza da sciogliere aumenta anche la temperatura iniziale di ebollizione della soluzione formata.

/ 5
Grazie per aver votato!