Totila, re degli Ostrogoti

Totila, re degli Ostrogoti

Totila (il cui nome originale era Baduila) è stato re degli Ostrogoti dal 541 al 552. Il suo nome, che significa “l’immortale”, gli venne dato dai suoi sostenitori. Non si sa con certezza l’anno della sua nascita ma era ancora giovane quando divenne re.

Totila era nipote di Ildibaldo, che era diventato re appena un anno prima di lui. Dopo la morte dello zio che venne ucciso, divenne re degli Ostrogoti un uomo di nome Erarico ma anche questi morì poco dopo. A quel punto Totila venne eletto re e iniziò subito la conquista dell’Italia.

Il re Totila si scontrò fin dall’inizio con l’impero bizantino e in meno di due anni aveva conquistato buona parte dell’Italia. L’imperatore Giustiniano inviò i suoi eserciti, guidati dal generale Belisario, ma gli Ostrogoti occuparono anche Roma nel 546. Il re conquistò anche la Sicilia, la Sardegna e la Corsica ma venne sconfitto dall’esercito del generale Narsete nei pressi di Gualdo Tadino. Morì durante la fuga.

Nonostante fosse straniero, Totila riuscì soprattutto a guadagnarsi il favore della maggior parte della popolazione grazie al suo modo di fare moderato. Ebbe cura per le classi rurali più povere e risparmiò la vita delle persone quando conquistò Roma. Gli successe al trono Teia, che venne eletto dopo la sua morte.

/ 5
Grazie per aver votato!