Gli enti geometrici fondamentali (primitivi)

Gli enti geometrici fondamentali (primitivi)

Gli enti geometrici fondamentali, detti anche primitivi, sono quelle figure da cui nascono tutte le altre figure geometriche. Attualmente, in Geometria, vengono considerati come enti fondamentali il punto, la retta e il piano.

Per capire perché si chiamano così pensiamo ad un angolo: esso viene definito come una parte del piano delimitata da due semirette (una porzione di retta).

Oppure un segmento: è un pezzo di retta delimitato da due punti. Un triangolo è invece l’unione di tre segmenti e da tre angoli.

Gli enti primitivi, invece, non derivano oggettivamente da nessun’altra figura geometrica.

Alcuni aspetti degli enti geometrici fondamentali

Il punto è un ente che non ha dimensioni: non ha né lunghezza, né larghezza né altezza.

La retta è come una linea infinita ed è formata da infiniti punti. Non ha né larghezza né altezza.

Il piano è come un foglio che non finisce mai dove si può disegnare qualsiasi cosa: all’interno passano infinite rette e ci sono infiniti punti

fondamenti della geometria, Punto, retta e piano, enti geometrici fondamentali
Gli enti geometrici primitivi: il punto, la retta e il piano

Altre relazioni tra loro sono:

  • Tra due punti passa una sola retta;
  • In un punto passano infinite rette;
  • Se due rette del piano non si incontrano mai, si chiamano parallele e i punti che li formano si trovano sempre alla stessa distanza. Se si incontrano avviene in un solo punto del piano per poi non rincontrarsi più.
  • Se due rette incontrando formano un angolo retto si dicono perpendicolari.

Vedi anche l’introduzione nell’articolo La geometria razionale

/ 5
Grazie per aver votato!