Il trasporto cellulare attraverso la membrana

La membrana cellulare ha la funzione di consentire e regolare gli scambi di sostanze tra l’interno (assorbimento) e l’esterno (escrezione) della cellula. Alcune sostanze sono in grado di attraversare la membrana mentre altre no. Per questo motivo si parla anche di trasporto di membrana.

Ci sono diversi modi in cui la membrana gestisce questi scambi. Si parla di trasporto attivo, quando deve intervenire direttamente per favorire questo scambio, trasporto passivo, quando esso avviene senza il suo intervento. Vediamo di seguito i meccanismi di trasporto passivo e di quello attivo.

Tipi di trasporto passivo

Ci sono due meccanismi di trasporto passivo: la diffusione semplice e la Osmosi.

La diffusione semplice o passiva segue le naturali leggi fisiche. Le molecole disciolte si muovono in modo casuale e tendono a distribuirsi in maniera omogenea; in questo modo lascia uscire i gas verso l’esterno dove la concentrazione di molecole è minore rispetto l’interno della cellula.

L’osmosi è il movimento delle molecole di acqua “libere” attraverso la membrana. Le sostanze disciolte con l’acqua, chiamate soluti) non possono passarvi né le molecole d’acqua ad esse collegate.

Tipi di trasporto attivo

I meccanismi di trasporto attivo sono tre.

Trasporto mediato. La membrana si serve di particolari proteine (definite vettrici o carrier), per prendere determinate sostanze (come quelle idrosolubili) dall’esterno e passarle attraverso per farle entrare nella cellula. Ogni proteina vettrice è specifica per una sola sostanza o un numero ristretto di sostanze.

Il trasporto mediato serve perché non sarebbe possibile questo trasferimento secondo le normali leggi della fisica. Per portare queste sostanze in una zona dove c’è maggiore concentrazione la cellula usa i carrier come delle “pompe”.

Endocitosi. La membrana modifica la sua forma per circondare il materiale da introdurre, racchiuderlo in una vescicola e liberarlo all’interno del citoplasma; viene usato per materiale di dimensioni tali da non poter essere assorbito in altro modo.

Se il materiale assorbito è solido, si parla di fagocitosi; se è liquido, pinocitosi.

Esocitosi. Funziona in senso opposto all’endocitosi: le vescicole contenute nel citoplasma si fondono con la membrana cellulare liberando all’esterno il materiale che hanno.

Vedi anche