La differenza tra legame ionico e legame covalente

La differenza tra legame ionico e legame covalente

Il legame ionico e il legame covalente consistono entrambi nell’unione di due atomi a motivo dell’interazione elettrica che avviene tra loro. La differenza tra i due tipi di legame sta che nel primo caso un atomo cede uno o più elettroni all’altro mentre nel secondo caso uno o più elettroni vengono condivisi da entrambi gli atomi.

Quando due atomi si trovano a contatto, gli elettroni coinvolti sono quelli che si trovano nel livello di energia più esterno e che vengono chiamati elettroni di valenza. A motivo della regola dell’ottetto, il tipo di legame dipende da che tipo di configurazione deve ottenere ciascun elemento. Gli elettroni di valenza sono indicati nella tavola periodica visualizzata in basso, utile per capire l’argomento.

elettroni di valenza, tavola periodica

La capacità di attrarre a sé l’elettrone di un altro atomo viene chiamata elettronegatività ed è una delle proprietà periodiche degli elementi chimici. Essa aumenta andando da sinistra a destra e dall’alto in basso lungo la tavola periodica e fa sì che acquistando, cedendo o condividendo i suoi elettroni un elemento raggiunge la stabilità nel suo livello più alto di energia.

Quando due elementi hanno due elettronegatività vicine tra loro, il legame che formano tra loro sarà di tipo covalente. Questo perché gli elettroni condivisi vengono attratti da entrambi i nuclei.

Quando la differenza di elettronegatività tra due elementi chimici è alta, quello che ha elettronegatività minore cede il suo elettrone all’altro elemento come nel caso del cloruro di sodio (NaCl), dove l’atomo di sodio cede il suo elettrone a quello del cloro.

Discorso a parte vale per l’idrogeno. Sebbene abbia un solo elettrone nel suo livello energetico, per completare questo livello ha bisogno soltanto di un altro elettrone. Perciò, quando si unisce con altri atomi non cede il suo elettrone ma lo condivide con quello di un altro elemento. Si ha così non un legame ionico ma un legame covalente. Quando però si unisce con i metalli alcalini, quelli che fanno parte del suo stesso gruppo, nella sua stessa colonna, diventa uno ione negativo e acquista l’elettrone dell’altro elemento, completando il suo livello di energia.