Giulia Domna, la madre di Caracalla e Geta

Giulia Domna (Emesa 170? – Antiochia 217) è stata la seconda moglie di Settimio Severo e madre di Caracalla e Geta.

Domna era figlia di Giulio Bassiano, sacerdote di El-Gabal, divinità solare di Emesa, in Siria. Quando Settimio divenne imperatore nel 193 andò con lui a Roma.

Fondò un circolo di uomini dotti dove si parlava di filosofia, letteratura e religione. Cercò in tutti i modi di fare andare d’accordo i due figli, opponendosi alla divisione dell’impero romano tra i due. Caracalla fece, perciò, uccidere il fratello Geta tra le braccia della madre, che cercava di proteggerlo. Da quel momento Giulia Domna ricevette molti onori e le venne affidata gran parte del governo, probabilmente per consolarla della perdita del figlio.

Purtroppo per lei, sei anni dopo, mentre si trovava ad Antiochia ricevette la notizia della morte anche dell’altro figlio e per la disperazione si lasciò morire.

Tondo Severiano con l’immagine di Geta cancellata