Giustiniano II (Imperatore)

Giustiniano II (Imperatore)
Giustiniano II (Imperatore)

Giustiniano II fu imperatore d’Oriente dal 685 al 695 e poi dal 705 al 711. Fu l’ultimo imperatore della dinastia iniziata con Eraclio I.

Giustiniano II divenne imperatore dopo la morte del padre Costantino IV, quando aveva da poco compiuto i sedici anni. Combatté con efficacia contro Bulgari, Slavi e Arabi.

Giustiniano ruppe la pace con gli Arabi, allora guidati da ‘Abd al-Malik (685-705). Quest’ultimo fu costretto a cedere l’Armenia, l’Iberia, l’odierna Azerbaigian e a pagare un tributo annuo. Ma nel 690, gli Arabi reagirono all’offensiva bizantina e fecero razzie nelle provincie orientali per qualche anno.

Forse questo spinse alla detronizzazione di Giustiniano nel 695 per opera di una rivolta capeggiata dal generale Leonzio, che si proclamò imperatore. Egli, però, ottenne l’aiuto di Tervel, re dei Bulgari, e nel 705 si presentò a Costantinopoli con il suo esercito, ritornando al trono. In cambio, proclamò Tervel come Cesare.

Nel 711, Giustiniano mandò una flotta contro Cherson, dove era stato esiliato e mutilato il naso (da qui il soprannome Rinotmeto), ma la flotta si ribellò e acclamò Bardane come imperatore. L’imperatore venne giustiziato assieme al figlio Tiberio.

/ 5
Grazie per aver votato!